Perugia, 22 novembre 2022 – Gli agenti della Polizia di Stato di Perugia, a seguito di segnalazione al Numero Unico di Emergenza Europeo, hanno fermato e deferito all’Autorità Giudiziaria tre uomini – un cittadino straniero e due italiani, rispettivamente classe 1988, 1994 e 1992 con precedenti di polizia – che, nel corso di un controllo, sono stati trovati in possesso di arnesi da scasso e oggetti atti ad offendere.

L’attività è scaturita dalla segnalazione di un cittadino che, dopo aver notato un’auto sospetta aggirarsi nei pressi di un esercizio commerciale che era stata oggetto di furto qualche giorno fa, aveva immediatamente informato la Polizia di Stato. Gli operatori, dopo aver perlustrato la zona – nella periferia di Perugia – hanno rintracciato l’auto e fermato il 28enne, conducente del veicolo. Dopo aver identificato il conducente e i passeggeri, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione anche dell’auto che ha dato esito positivo. Occultato negli indumenti del 30enne, i poliziotti hanno trovato un coltello da cucina di cui l’uomo non è stato in grado di giustificare il possesso.

La perquisizione del veicolo, invece, ha permesso di rinvenire diversi strumenti di effrazione – tra cui un “piede di porco”, un martello, alcuni scalpelli, dei cacciavite – un passamontagna e alcuni oggetti atti ad offendere.
Gli agenti hanno inoltre recuperato alcuni gettoni di una lavanderia, verosimilmente provento di furto, e tre taniche vuote, solitamente utilizzate per il furto di carburante. Per questi motivi, dopo essere stati accompagnati presso gli uffici della Questura, al termine delle attività di rito, le tre persone sono state deferite all’Autorità Giudiziaria per i reati di furto aggravato in concorso, possesso di chiavi alterate o grimaldelli e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Tutto il materiale rinvenuto, invece, è stato sottoposto a sequestro.

I due cittadini italiani, entrambi gravati da un avviso orale del Questore, sono stati altresì deferiti per inottemperanza del provvedimento di divieto di ritorno nel Comune di Perugia, emesso nei loro confronti lo scorso mese di agosto.
 

(26)

Share Button