Affrontati i temi della micromobilità, della mobilità sostenibile e delle regole nel motor sport. Specialisti e professionisti del motor sport si sono confrontati con circa 130 studenti

Foligno, 24 novembre 2022 – L’educazione stradale entra nelle scuole di Foligno. Mercoledì 23 novembre, infatti, l’Automobile club Perugia ha organizzato con il Liceo statale ‘Guglielmo Marconi’ un’intera giornata rivolta agli studenti e dedicata alla mobilità, declinata in tutti i suoi aspetti. A prendere parte alle attività, nella sede di via Cairoli, sono stati circa 130 ragazzi e ragazze delle classi prime, seconde e terze dell’indirizzo Liceo scientifico sportivo.

L’evento formativo si è aperto con i saluti della dirigente scolastica Maria Paola Sebastiani, di Ruggero Campi, presidente degli Automobile club Perugia e Umbria, Lorenzo Schiarea, presidente del Consiglio comunale di Foligno, e Mauro Esposito, responsabile Educazione stradale dell’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria. L’iniziativa è proseguita con una prima sessione dedicata alla micromobilità e alla mobilità sostenibile, con uno specifico focus sull’utilizzo del monopattino. La seconda sessione è stata incentrata, invece, sugli effetti della distrazione alla guida. A confrontarsi con gli studenti su questi temi è stata Debora Mecozzi, della direzione Educazione stradale dell’Automobile club Italia. Di educazione e regole nel motor sport hanno parlato, inoltre, il montefalchese Giulio Valentini, pilota con disabilità, Roberto Papini, amministratore delegato dell’Autodromo dell’Umbria Mario Umberto Borzacchini, e Fabrizio Fondacci, direttore di gara internazionale.

La giornata si è conclusa, infine, con un dibattito tra i ragazzi e i relatori. Il progetto proseguirà nelle classi coinvolte, con i docenti del liceo che approfondiranno in specifiche lezioni i temi trattati durante l’iniziativa dell’Automobile club. “Bisognerebbe sensibilizzare i giovani sui temi della sicurezza stradale già a partire dalle scuole elementari – ha commentato Ruggero Campi –. Sarebbe utilissimo per farli crescere nel rispetto delle regole e, allo stesso tempo, far comprendere loro il senso di libertà che si ha attraverso la mobilità. È entusiasmante lavorare con i giovani e siamo orgogliosi di questo progetto che si è subito dimostrato essere una bella esperienza per tutti. I ragazzi dimostrano attenzione, rispetto delle regole e grande capacità di ascolto. Ciò tornerà loro molto utile nella vita quotidiana. Questo è, innanzitutto, un progetto di educazione civica, ma l’obiettivo è anche quello di far capire ai ragazzi che quando parliamo di mobilità parliamo anche di motor sport e passione sportiva. L’automobilismo è uno sport sicuro e in più abbiamo in Umbria un autodromo dove ci si può avvicinare al motor sport e praticarlo in tutta sicurezza”. “È stato un appuntamento molto interessante – ha dichiarato la dirigente Sebastiani – durante il quale ci si è focalizzati sulle regole della strada, sulla sostenibilità e sui rischi alla guida. Questi ragazzi sono i futuri utenti della strada e lo saranno sempre più in maniera attiva. È importante, quindi, che possano riflettere su quello che vuol dire muoversi consapevolmente sulla strada. Grazie a questo evento di grande qualità, ai testimonial e ai professionisti che abbiamo ospitato, i nostri studenti oggi sono in grado di capire molto meglio le possibilità e i rischi presenti, dal semplice monopattino alla macchina sportiva”.

 

(17)

Share Button