Sarà presieduta dall’arcivescovo Maffeis. Il rettore don Benussi: «Sempre attuale, per l’intera comunità, è il messaggio del santo defensor civitatis»

Perugia, 10 nov. 2023 – A Perugia, domenica 12 novembre (ore 10.30), nella suggestiva chiesa trecentesca a pianta ottagonale intitolata a Sant’Ercolano, vescovo e martire, patrono della città e dell’Università degli Studi, l’arcivescovo mons. Ivan Maffeis, insieme al rettore don Francesco Benussi, presiederà la celebrazione eucaristica del dies natalis del Santo Patrono martirizzato per mano dei goti di Totila il 7 novembre dell’anno 547 (come annoverano antichi martiriologi).

Defensor civitatis. Ercolano, definito dalla storiografia il vescovo defensor civitatis, si oppose, fino a sacrificare la vita, all’assedio dei barbari durato due anni, risparmiando ai perugini atrocità e devastazioni. Gesto che fu visto dai suoi concittadini, sottolinea il rettore don Benussi citando i Dialoghi di san Gregorio Magno, «come una manifestazione ulteriore della magistratura di defensor civitatis che il Santo vescovo esercitava».

Il cero votivo. Alla celebrazione di domenica in Sant’Ercolano, animata dal coro dei “Madrigalisti di Perugia”, parteciperanno i rappresentanti dell’Istituzioni civili ed accademiche del capoluogo umbro e del Sodalizio di San Martino, la benemerita istituzione laica di carità risalente al secolo XVI proprietaria della chiesa del Santo Patrono. Sarà rinnovato da parte del sindaco di Perugia l’omaggio del cero votivo posto accanto al reliquiario di Sant’Ercolano, come segno di devozione al defensor civitatis affinché la sua testimonianza umana e cristiana illumini sempre il cammino del popolo perugino.

Amore e dedizione. «La memoria di Sant’Ercolano – commenta il rettore don Benussi – trasmette il suo messaggio di amore e dedizione per la città e la rende attuale nel contesto storico del nostro tempo, anche per la presenza all’interno della chiesa omonima di un sacrario militare. Quest’ultimo, in quanto simbolo del sacrificio dei caduti in guerra, ci invita a considerare l’assurdità di avvenimenti simili, di cui è costellata la storia. Il culto del santo defensor civitatis è quindi riferimento per la comunità, sia religiosa sia civile, che a lui chiede di allontanare le minacce di violenza del tempo presente».

 

(31)

Share Button