I Carabinieri hanno rintracciato il 48enne presso il pronto soccorso dell’ospedale di Perugia per la frattura di un braccio, e varie escoriazioni 

Città dalla Pieve, 10 maggio 2024 – I Carabinieri della Stazione di Magione hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Perugia un 48enne del posto, già noto alle Forze dell’Ordine, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari in Passignano sul Trasimeno, poiché ritenuto presunto responsabile del reato di evasione.

I militari, nel corso di un servizio di controllo del territorio, si sono recati in Passignano sul Trasimeno, presso l’abitazione ove l’uomo è sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e al divieto di avvicinamento alla persona offesa, in virtù di un’ordinanza emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Perugia nel mese di marzo per il reato di maltrattamenti in famiglia commessi nei confronti della moglie, constatandone l’assenza.

Da accertamenti esperiti gli operanti hanno appreso che il soggetto, dopo essersi privato del braccialetto elettronico applicatogli in virtù del provvedimento del Giudice per le Indagini Preliminari, strumentale al rispetto della misura del divieto di avvicinamento alla persona offesa, era saltato dal balcone per allontanarsi dall’abitazione, con ignota destinazione.

I Carabinieri nella circostanza, temendo che l’uomo potesse dirigersi verso l’abitazione della moglie, si sono recati presso la casa di quest’ultima, a titolo precauzionale.

Nel frattempo hanno esperito vari accertamenti tesi a localizzare l’evaso, non trascurando di verificare la sua presenza negli ospedali del territorio, ipotizzando che potesse essere rimasto contuso nella caduta dal balcone.

Infatti, successivamente, lo hanno rintracciato presso il pronto soccorso dell’ospedale di Perugia dove è stato sottoposto alle cure del caso per la frattura di un braccio, nonché varie escoriazioni, e successivamente dimesso.

Accompagnato presso gli uffici della Stazione Carabinieri di Magione, il 48enne è stato deferito in stato di libertà per l’ipotesi di reato anzidetta e nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, così come disposto dal Sostituto Procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Perugia.

(23)

Share Button