Terni, 7 giugno 2024 – Grande successo per la commemorazione di Giacomo Matteotti, promossa ieri dalla Uilp e dall’associazione dei diritti degli anziani di Terni, presso la sede del Cesvol.

In quella occasione sono stati ripercorsi gli eventi che portarono il Re d’Italia a scegliere Benito Mussolini come capo del Governo e ad aprire un ventennio di privazioni di libertà, di persecuzione dei democratici a qualunque partito appartenessero e di guerre.

Andrea Giardi ha ricordato alcuni perseguitati antifascisti – oltre a Giacomo Matteotti, Filippo Turati, Giuseppe Saragat, Pietro Nenni, socialisti – Giovanni Amendola e Benedetto Croce liberali, Giovanni Conti e Randolfo Pacciardi repubblicani, Don Luigi Sturzo popolare, Antonio Gramsci e Umberto Terracini comunisti, Carlo e Nello Rosselli di Giustizia e Libertà.

L’ordine a procedere contro Matteotti fu dato direttamente da Mussolini che cinicamente ricevette la moglie del Deputato socialista per assicurarle che ogni sforzo sarebbe stato fatto per rintracciarlo quando già era a conoscenza dell’assassinio. Mauro Scarpellini ha ricordato il percorso formativo di Matteotti, partito dal basso a difesa dei poveri, dei contadini, degli operai; fu sindacalista, consigliere comunale e Sindaco.

Scarpellini ha citato il giornalista Fabio Martini che ha denunciato il boicottaggio fatto alle commemorazioni, previste da una legge proposta dalla senatrice Liliana Segre, votata all’unanimità a luglio 2023 dal Parlamento ma la cui applicazione è stata regolamentata così in ritardo che non ha consentito di organizzare le celebrazioni previste dalla legge stessa.

Tuttavia il ricordo è presente in tutte le forze politiche e sindacali antifasciste e celebrazioni sono state promosse spontaneamente in moltissime parti d’Italia, come ieri a Terni. La segretaria della UilP dell’Umbria, Elisa Leonardi, ha ricordato il valore di Matteotti come sindacalista, sempre vicino alle esigenze dei cittadini, il suo insegnamento e la sua eredità”.

 

(5)

Share Button