Perugia, 26 febbraio 2024 – Pubblichiamo la nota del  PD Ponte San Giovanni a forma del  Segretario Federico Balducci.

Gli imponenti finanziamenti statali che stanno interessando il nostro territorio sembrano aver anestetizzato ogni discussione nel merito delle questioni, quando la sola segnaletica stradale e le buche sono argomento di bagarre è un male per tutta la cittadinanza.

Immaginare un territorio “in piana” come Ponte San Giovanni senza piste ciclabili e marciapiedi per favorire una mobilità leggera, equa ed ecologica significherebbe non guardare al futuro. Ma il solo realizzare delle piste ciclabili non è sufficiente, si devono trovare soluzioni per togliere il traffico di attraversamento e soprattutto collegare Pieve di Campo e Balanzano.

Per Pieve di Campo è stato deciso dall’amministrazione comunale di non realizzare un collegamento sotterraneo che da via Manzoni permettesse di arrivare ai binari della stazione per poi raggiungere l’abitato. Progetto datato i cui fondi sono stati dirottati su altro. L’ascensore tra via Manzoni e via Nino Bixio avrà un’altra valenza. Per Balanzano, dopo le polemiche sulla chiusura del passaggio a livello, dopo dieci anni di governo del centro destra ancora non ci sono le risorse per realizzare un collegamento alternativo verso Ponte San Giovanni. Non basta dire che ci sono previsioni a piano regolatore, si sarebbero dovuti trovare i finanziamenti: altrimenti è solo campagna elettorale.

Inoltre, non si può far finta che Ponte San Giovanni non si sia sviluppato a fianco della superstrada più importante del centro Italia. Non si può dare la colpa ai ponteggiani che vogliono prendere l’auto per muoversi dentro il quartiere, fortunatamente il tessuto industriale e commerciale è in grado di attirare utenti e consumatori anche al di fuori del nostro territorio. È per questo che oltre 1300 cittadini hanno firmato una petizione per far sì che piazza Chiabolotti (p.za del mercato) mantenesse la sua vocazione: di parcheggio e luogo per continuare ad ospitare il mercato settimanale.

Ad oggi nessuna risposta.

La realizzazione di un imponente manufatto in calcestruzzo, la volontà di costruire una nuova piazza civica, e la conseguente riduzione della superficie di parcheggio forse non è quello che serve. Alcuni tra i firmatari, lo scorso novembre, hanno preso la briga di fare una rilevazione sul numero di auto parcheggiate, in diversi giorni e diversi orari. Sarebbe interessante sapere se pure l’amministrazione comunale lo abbia fatto; comunque, dalla rilevazione sopra citata non sono mai state rilevate meno di 120 auto.

Non serve sicuramente una nuova piazza cittadina, ci sono già altri luoghi e spazi che assolvono questa funzione e soprattutto non serve altro cemento dentro Ponte San Giovanni.

Se è vero che è necessario togliere i parcheggi per disincentivare l’utilizzo dell’auto, sicuramente non c’è bisogno di realizzare un manufatto da 250 mq in piazza Chiabolotti sarebbe più semplice ed utile un altro parco, altro spazio verde.

(126)

Share Button