Focus tematico sul compositore Giacomo Puccini. Evento organizzato dalla Gioventù Musicale nel centenario della morte del Maestro

FOLIGNO, 5 marzo 2024 – Un travolgente viaggio nel tempo, tra la fine dell’Ottocento e le prime due dècadi del ‘Secolo breve’, in una terra densa di contraddizioni, tra rivoluzione industriale, emigrazione di massa e un’annosa questione femminile che portò nell’Italia post-unitaria alla progressiva emancipazione della donna, a partire dall’ottenimento del diritto di voto.

Una lunga ed emozionante traversata storica, giocoforza collettiva, attraverso le tappe minime della vita di un singolo, ancorché d’eccezione, come il celebre compositore Giacomo Puccini, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte. A illustrare la parabola umana e musicale del grande maestro lucchese nell’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Economico Aeronautico ‘F. Scarpellini’ di Foligno, di fronte a una platea di studenti rapiti per due ore dalle sue appassionate parole, è stato il pianista Stefano Ragni, studioso di formazione umanistica e formidabile divulgatore, capace di raccontare le cose con garbo e ironia, in modo chiaro competente e mai banale.

L’evento, moderato dalla professoressa Maria Carla Cicciola, docente di Storia dell’arte e vicepreside della scuola, e riservato agli studenti partecipanti al progetto ‘Educazione all’ascolto’, si inserisce nel novero delle iniziative promosse dall’associazione ‘Gioventù musicale’ di Foligno.

Il progetto prevede l’esecuzione dal vivo, nei suggestivi spazi dell’Auditorium San Domenico, di brani di musica classica, cui segue un concorso letterario, bandito con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, per l’assegnazione di dieci borse di studio del valore di 300 euro ciascuna. Ad accompagnare Stefano Ragni anche il maestro Giuseppe Pelli, presidente e direttore artistico della Gioventù Musicale di Foligno.

(29)

Share Button