Perugia, 26 marzo 2024 – Nel contesto del processo Concorsopoli, le richieste avanzate questa mattina dai pubblici ministeri delineano una serie di condanne che coinvolgono prominenti figure dell’amministrazione regionale.

La ex presidente della Regione, Catiuscia Marini, rischia due anni di reclusione, mentre all’ex sottosegretario Gianpiero Bocci è stata richiesta una pena di due anni e tre mesi. L’ex assessore alla Sanità, Luca Barberini, potrebbe affrontare una condanna di tre anni e quattro mesi.

Le richieste dei pm si estendono anche ad altri attori chiave, con Emilio Duca, ex direttore dell’ospedale di Perugia, e l’ex direttore amministrativo Maurizio Valorosi, per i quali sono stati richiesti rispettivamente un anno e cinque mesi di reclusione.

Nell’ambito delle udienze precedenti, i pubblici ministeri avevano avanzato richieste di assoluzione per Bocci e Marini riguardo all’accusa di associazione a delinquere.

Ora spetterà alle parti civili, tra cui Usl, Regione, ospedale e Cittadinanzattiva, e successivamente alle difese, presentare le loro argomentazioni. È atteso che la sentenza sia emessa durante i mesi primaverili.

(48)

Share Button