Bastia Umbra, 2 febbraio 2024 – Ecco il testo della lettera a firma del sindaco  Paola Lungarotti al suo dimissionario vice sindaco Francesco Fatellini.

Ho letto le dichiarazioni di Francesco Fratellini sulle mie responsabilità nell’ aver spaccato il centro-destra. Forse Fratellini pensa di giocare con il tempo oltre che sul tempo, pensa che le bastiole e i bastioli  soffrano di perdita di memoria, pensa che si possa giocare con le persone come in una partita di scacchi.

Stesso modus operandi del vecchio che avanza. Ieri con attori diversi, oggi con il Sindaco Paola Lungarotti. Già nel 2019 il mio insediamento è stato vissuto con una spaccatura della coalizione di centrodestra, non voluta certamente da me.

E nessuno di coloro cha ha prodotto la crisi di ieri può dichiarare il contrario: sono stata molto critica io, per come stavano gestendo la candidatura del 2019, creando la spaccatura con la Lega. Ho provato a ricucire ma forse non era il momento giusto per qualcuno.

Fratellini, come sovente ripete, in politica non è stato fortunato con le donne. Potrei dire che le donne non sono state fortunate con lui che vede la politica come un mezzo  del dividere per comandare . Si può, anzi si deve, fare politica come servizio verso la città ed è quello che a livello nazionale la Presidente Meloni, anch’essa donna, sta dimostrando.

I trasformismi non mi appartengono, men che meno la responsabilità della spaccatura del centro destra. Ha spaccato ieri come ha spaccato oggi.

Tra i tantissimi messaggi ricevuti mi permetto di raccoglierne uno: ” …sei stato il Sindaco in un momento  storico molto difficile quindi mi aspetto che il mio Sindaco non arretri un passo, sempre a testa alta con il sorriso in bocca: tanto hai fatto e tanto c’è da fare!”

Difendo il lavoro fatto fino ad oggi in cui le persone serie hanno messo la faccia oltre che l’impegno, la dedizione, l’amore vero  verso la propria città.

 

(28)

Share Button