La sua personale all’Officina dell’Arte di Cesena

Foligno, 29 giugno 2024 -Si potrà visitare fino al 6 luglio la mostra premio “Gli spazi del pensiero” che Comune di Cesena e Officina dell’Arte hanno dedicato all’artista concettuale folignate Laura Vedovati. Una personale, una ventina di opere esposte tra quadri, tableaux e installazioni, che la poliedrica architetta, paesaggista, insegnante e autrice di libri per l’infanzia, deve alla conquista del secondo posto al concorso per artiste visuali “Una porta sul cielo”, premio nazionale indetto dal Comune cesenate e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna per la promozione delle pari opportunità.

Folto pubblico e grande apprezzamento al vernissage di sabato 22 giugno all’Officina dell’Arte – nutrita la delegazione folignate –, aperto dagli interventi di Angelo Fusconi, proprietario della galleria, della dott.ssa Cristina Barducci dell’Ufficio Politiche delle Differenze del Comune di Cesena, della critica Anna Lepekhina, con chiusura d’incontro affidata alla stessa Vedovati.

“Ho deciso di inviare un’opera perché mi interessava il tema – ha commentato la Vedovati -. Da donna, insegnante e mamma, sento molto la responsabilità di un’educazione al rispetto e alla valorizzazione delle differenze di genere. Così è nata l’installazione ‘Dualità in equilibrio’. Affido all’arte un ruolo fondamentale nella costruzione di una società migliore dove tutti godano di pari diritti e dignità. Ma certo mai avrei immaginato di essere qui oggi con una mostra interamente dedicata al mio lavoro. Sono grata agli organizzatori e alla città di Cesena”.

Con “Gli spazi del pensiero”, l’universo artistico della Vedovati si muove tra sperimentazione e tradizione, incrociando digitale e materiale, disegno a mano libera e illustrazione grafica, china e presenze materiche. “Laura – annota Anna Lepekhina – sperimenta audacemente con prospettive fisiche e metaforiche, integrando nella sua ricerca artistica punti di vista diversi: occidentale e orientale, razionale ed emotivo, maschile e femminile, materiali sperimentali e forme e colori minimalisti. La sua arte è in costante evoluzione… Laura Vedovati stimola la nostra ricerca personale, creando nuovi punti di vista che nascono dalla collaborazione tra autore e spettatore, che condividono lo stesso spazio e lo stesso tempo”.

La mostra, metafisica e concettuale, materica e digitale, propone così la riflessione dell’artista sui grandi e piccoli temi del mondo, sullo spazio e tempo che si fanno pensiero, ponendo domande tra la mente e l’anima, tra realtà e sogni, gioie e frantumi. Che la sua opera tiene insieme, anche quando parla linguaggi diversi, con il coraggio di guardarsi dentro e di mostrarsi, pur quando quel che appare non è come lo si immaginava.

Artista a trecentosessanta gradi, Laura Vedovati sta raccogliendo consensi anche sul versante scrittura. Di maggio scorso il secondo posto a un concorso letterario internazionale nella sezione Racconto breve-Fiabe. Il suo “Libero. Storia di un lupetto vegetariano” ha conquistato il secondo premio.

“Gli spazi del pensiero” si può visitare ogni giorno fino al 7 luglio, alla galleria Officina dell’Arte di Via Madonnina 50, concordando la visita con la referente comunale per l’iniziativa, o con il titolare della galleria nel fine settimana (Barducci 335 8177851; Fusconi 338 8501051).

(133)

Share Button